Andando di fretta

3 settembre 2009
Si ricomincia a correre e ovviamente io vado di fretta.
Settembre caldo, afoso, che si prepara addirittura ad una pandemia (l'eco delle pestilenze si allunga sulla grande città: dove nascondersi in mezzo a milioni di untori?). A dire il vero qui il Bruco Turchino ha fatto una ricerca, ci tiene al suo fungo, e ha compreso che le possibilità di rimanere senza fungo sono minori di quelle di prendersi una pertosse e siccome noi non conosciamo nessuno che sia finito ai Pizzuti con la pertosse deduciamo che tutto questo can-can è a scopo di vendita.
Abbiamo lavorato oltre l'immaginabile e adesso abbiamo casa piena di feltri, sciarpe di ogni dimensione e colore che dovremo deciderci a smerciare. Uffa.
Abbiamo anche re-incontrato le giubbe gialle, i simpatici pompieri visto che in questo quartiere periodicamente succede qualcosa. Questa volta sono bruciate una serie di macchine mentre la benzina colava incendiata nella via in discesa, il Cappellaio Matto ha trovato divertente il PUF che fanno le auto quando esplodono. Io meno.
Da oggi riprendiamo i ritmi frenetici, dato che c'è una pandemia alle porte abbiamo deciso di battezzare Settembre il mese della prevenzione: andare dal dentista, medici e cose così. Secondo la Regina di Cuori questi postacci sono pieni di morbi e quindi sarà bene evitarli più in là, quando sotto Natale starnutiremo porcellini dal naso.
Ci siamo anche ripresi dai figli dei fiori, ora c'è da vedere se ci riprenderemo dai parenti nevrotici. Sembra che il caldo li ecciti e lo Stregatto ha promesso sputi per terra a chiunque ci parlerà ancora di se stesso per oltre quattro (4) minuti.
Siamo tolleranti, più o meno come un calabrone.
Ma non è colpa nostra se questa città grande ma caotica ci rimane stretta!


5 nosense:

{ did } at: 3 settembre 2009 14:31 ha detto...

vai di fretta, ma ti leggo. siete tutti spariti, ecco, e io mi son fatta prendere dalla mania di scrivere. scrivo scrivo e riprendo a leggere. si!
a fine mese faccio capatina nella capitale, ma non so se riesco a passare.. tu tranquillizzati, sennò dovrai traslocare - chessò - a tokio. abbastanza grande come metropoli? (poi ovviamente ti vengo a trovare a scrocco, eh.)

{ Alice } at: 3 settembre 2009 16:46 ha detto...

Io son qui, lavoricchio e cerco di rilassarmi.
Tokio no, ci manca solo Tokio! A me ha stufato Roma, figuriamoci Tokio :/

{ Santaria } at: 3 settembre 2009 19:29 ha detto...

Aliceeeeee
è bellissimo ( smilino occhi umidi)
:)))))))

{ Alice } at: 4 settembre 2009 11:50 ha detto...

Daniiii... perchè non si accede al tuo profilo? non so mica come inserirti tra i friend qui *mumble*
Concordo però, è proprio un bel templatino, sto decidendo se farne anche per patisserie ;)

{ Santaria } at: 4 settembre 2009 19:03 ha detto...

ah ecco, bene mi ha preso l'account di google con tanto di nome.... e vabbè so cose belle...saaaaaallllveee....

e non te lo prende perchè questa è la mail , questa..... ( mannaja mannajaaaa).
(contegno)

il template è bellissimissimo, io ( mantenendo un certo contegno) apprezzerei pure per patisserie....

 

Abbonati! (sconti per i fiori parlanti)

Si è verificato un errore nel gadget

Trova la via

Mollichine di Pan di Zenzero alla Cicuta (virtuale)



Jabberwocky-dipendenti

E se la Torre di Pisa... avesse ragione lei?

Carte di Cuori